Si tratta di un gabbiano di notevoli dimensioni  52-58 cm e apertura alare fino a 140 cm per 1 – 1,4 Kg di peso  e dai colri caratteristici: becco e zampe gialli, ali grigie con apici neri, dorso grigio scuro, testa, collo e parti inferiori bianche.

 

 

I luoghi di nidificazione naturali del gabbiano reale sono tipicamente i pendii e le scogliere delle zone costiere così come i margini delle pinete.
A questi si sono aggiunti i centri urbani con una preferenza dei tetti e delle coperture di edifici, con problemi emergenti di disturbo e aggressione alla popolazione.
Grazie alle loro capacità di compiere lunghi voli, si possono spingere facilmente nell’entroterra per la ricerca di cibo fino a raggiungere anche siti destinati alla raccolta di rifiuti con evidenti ricadute igienico sanitarie negative.

L’abbondanza di risorse presenti negli ambienti antropizzati ha indotto una crescita incontrollata delle popolazioni di gabbiani e di conseguenza una crescita di problemi per i cittadini, con un aumento di segnalazioni agli enti preposti nonché alle aziende di disinfestazione per la risoluzione del problema.

I maggiori disagi per l’uomo, conseguenti a questa "esplosione demografica", sono dovuti alla presenza di escrementi e resti alimentari in tutti i luoghi dove essi possono accedere, al disturbo acustico anche nelle ore notturne, all’inaccessibilità delle zone limitrofe ai nidi e ai gravi problemi al traffico aereo (bird strike).
Le tipologie di situazioni coinvolte possono essere le abitazioni, i palazzi, i siti archeologoci, le industrie alimentari, le discariche, i porti e i ‘marina’, gli aeroporti e le aziende agricole.


Escludendo le tecniche di gestione ecologica della specie che riguardano modifiche ambientali, riproduttive, comportamentali qui di seguito indichiamo alcuni prodotti esclusivi e ad uso professionale presenti nel nostro catalogo, utilizzabili per il controllo di questa specie problematica.



Per qualsiasi informazione o richiesta il nostro staff tecnico è a vostra disposizione.